Premio al merito “Giampiero Morettini”

ISTITUTO TEOLOGICO DI ASSISI

ISTITUZIONE DEL PREMIO AL MERITO “GIAMPIERO MORETTINI”

 

1. Descrizione
Su proposta unanime degli studenti, accolta con grande favore dal Consiglio di Istituto, il Consiglio di gestione, nella riunione del 21 aprile 2015, ha approvato l’istituzione del Premio al merito1 “Giampiero Morettini”, ex alunno ITA.
Il premio da assegnare annualmente, se vi sono candidati in possesso dei requisiti previsti, è del valore di 2.000,00 (duemila/00) euro. Il beneficiario non li riceverà in contanti, ma serviranno per il pagamento delle iscrizioni annuali ai tre anni curricolari successivi al conferimento del premio2, mentre il residuo consisterà in un buono per l’acquisto di libri che lo studente stesso indicherà durante la frequenza del quinto anno curriculare. Qualora, per qualsiasi motivo, il vincitore del premio non rinnovasse per tre anni consecutivi l’iscrizione, sospendendola, interrompendola o trasferendosi presso altro Istituto, la quota restante del premio non verrà più concessa, senza deroghe e senza possibilità di richiederne in seguito la fruizione nemmeno parziale. L’assegnazione del premio avverrà solennemente nella sede dell’Istituto, al termine della Celebrazione Eucaristica d’inizio anno accademico, possibilmente alla presenza della famiglia Morettini. Per valorizzare opportunamente l’iniziativa, l’Istituto si adopererà nel modo che riterrà opportuno per sensibilizzare i media e per favorire l’adeguata risonanza.
Il nome del vincitore del premio sarà inserito in un apposito Albo redatto e conservato a cura della Segreteria d’Istituto e di cui si auspica la pubblicazione nel sito Internet, nelle bacheche e in altra forma opportuna.

2. Requisiti
Concorrono ipso facto all’assegnazione del premio tutti gli studenti iscritti nell’Istituto Teologico in possesso dei seguenti requisiti:
• abbiano la qualifica di studenti ordinari;
• non abbiano ricevuto complessivamente più di tre convalide;
• abbiamo completato il biennio istituzionale, ultimandone con profitto gli esami, integrativi compresi, entro la sessione estiva degli esami;
• abbiano una media ponderata degli esami complessivamente sostenuti di almeno
29.40/trentesimi;
• abbiano provveduto entro la data del 25 settembre all’iscrizione al terzo anno curricolare.

3. Criteri
Il Preside, ricevuta dalla Segreteria d’Istituto dopo il 25 settembre3 di ciascun anno la documentazione necessaria all’assegnazione, vi provvede nel rispetto dei seguenti criteri:
• Il premio viene assegnato allo studente che ha la media ponderata (considerando fino alla seconda cifra decimale) più alta;
• in caso di parità, prima di pronunciare il suo insindacabile giudizio, il Preside considererà attentamente altri indicatori quali: frequenze alle lezioni, partecipazione alle giornate studio, rapporto con i docenti, rapporto con i colleghi di corso, rapporto con la Segreteria, partecipazione alle attività non prettamente didattiche (sport, giornata di fraternità…) e potrà anche consultare, se lo riterrà opportuno, i docenti del biennio.

4. Note conclusive
• Allo scopo di valorizzare sempre di più l’evento dell’assegnazione del Premio al merito, si auspica che i consigli competenti valutino nelle rispettive sedi eventuali altre iniziative integrate come ad esempio la possibilità di organizzare una Giornata di studio annuale relativa a temi inerenti la vita accademica che abbiano un interesse specifico per gli studenti con uno stile che si differenzi dalle altre giornate di studio che l’Istituto propone.
• Se opportunamente strutturati, gli Atti di queste giornate potrebbero anche essere pubblicati.
• Resta il fatto che, con il trascorrere del tempo, questo Premio al merito potrà diventare, non solo idealmente, un vero e proprio luogo teologico che abbia soprattutto gli studenti
come protagonisti di sapienza culturale nella comunione ecclesiale.

1 La denominazione Premio al merito è stata preferita a quella di Borsa di studio, per affermare senza equivoci il solo criterio del merito nello studio della teologia ed escludere in radice quello economico che, considerate le diverse tipologie degli studenti, introdurrebbe dispute difficilmente componibili.
2 Una volta accertato il vincitore, sarà cura del Preside comunicare la notizia all’interessato e, nel caso in cui
appartenga ad un collegio, al rispettivo economo.
3 Il lasso di tempo che intercorre tra questa data e l’inizio dell’anno accademico è esiguo, ma sufficiente per operare
la valutazione e comporre la graduatoria.

 

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail